Navigazione veloce
Via Paolo Gorini 15 - 26.900 LODI tel. 0371.42.31.16 - fax. 0371.42.15.16
loic81100d@istruzione.it - loic81100d@pec.istruzione.it

IL TEATRO DEI BURATTINI – SCUOLA DELL’INFANZIA SAN GUALTERO

Le insegnanti della scuola dell’infanzia di San Gualtero intendono ricordare il momento di festa condiviso con i bambini della scuola in occasione del carnevale.
I bambini sono stati contenti di poter assistere alla rappresentazione teatrale di burattini presentata dai volontari della compagnia teatrale “A viva voce” , i quali hanno presentato la storia (precedentemente ascoltata in sezione) :”La rapa gigante”.
A nome di tutte le insegnanti si coglie nuovamente l’occasione di ringraziare i volontari che si sono prestati per la realizzazione dello spettacolo , che rimarrà nei ricordi con grande gioia, come momento unico e speciale. Grazie.
Le insegnanti del plesso

           

    

      

 

 

 

Commenti

L’ANIMO GENTILE – CLASSI IV PRIMARIA ARCHINTI

Il giorno 16 Gennaio 2018 i bambini delle classi quarte della scuola primaria S.F. Cabrini si sono recati a Palazzo Barni per la mostra “L’Animo gentile. Arte e vita da Giovanni Agostino da Lodi a Vincenzo Irolli”; un percorso di 40 opere che svela la varietà, la ricchezza e la qualità delle raccolte d’arte della Fondazione Cariplo e delle più prestigiose collezioni private e istituzioni del Lodigiano: un’inedita esperienza artistica e sensoriale che parte da considerazioni sulle opere esposte in mostra, e offre spunti di riflessione sul rapporto esistente tra arti figurative, storia, cultura e scienza.

Il biglietto d’ingresso della classe quarta B, il n. 5.000, si è rivelato il vincitore del catalogo “L’animo gentile”, raffigurante tutte le opere presenti alla mostra.

Congratulazioni ai fortunati, che potranno analizzare e riflettere ulteriormente a scuola sulle opere d’arte esposte e sugli argomenti affrontati dalla mostra!

 

 

Commenti

BEBRAS DELL’INFORMATICA

Sì…gli alunni dell’Istituto Comprensivo Lodi I che hanno partecipato alle gare informatiche Bebras, hanno saputo cogliere la sfida e raggiungere risultati decisamente lusinghieri. Congratulazioni ai componenti delle squadre: categoria KiloBebras ( classi quarte e quinte della scuola primaria), Megabebras (classi prima e seconda della scuola secondaria di I° grado) GigaBebras (classe terza della scuola secondaria di I° grado). Complimenti in particolare alla squadra di ragazze di 1C, “The four girls”, che ha ottenuto il punteggio pieno di 38 punti su 38, sbaragliando non solo le altre squadre di prima e seconda media della scuola, ma addirittura piazzandosi al primo posto nella classifica nazionale a parimerito con altre squadre italiane.
Per quanto riguarda la categoria Kilo emerge la presenza di elementi femminili per il 90% all’interno delle prime tre squadre classificate; nelle categorie Mega e Giga le prime due squadre risultano composte esclusivamente da ragazze mentre le squadre maschili si piazzano dal terzo posto in poi….ottima cosa, tenuto conto che spesso matematica e informatica sono viste come materie prettamente maschili e che esistono diversi progetti internazionali che mirano a
far emergere le potenzialità “rosa” in questi campi. Si riportano qui sotto le classifiche complete, elogiando tutti gli alunni che hanno partecipato con impegno, entusiasmo e spirito di collaborazione all’interno delle diverse squadre a questa nuova esperienza!

Scarica il file per visualizzare le classifiche:

Risultati immagini per icona pdf SFIDE-INFORMATICHE-LE-CLASSIFICHE

Commenti

CANTO DI NATALE – SCUOLA PRIMARIA ARCHINTI

Il giorno 22 dicembre 2017, gli alunni della scuola S.F. Cabrini sono stati protagonisti assoluti di un piccolo coro davanti alla loro scuola. Verso le ore 16.00 i marciapiedi di Corso Archinti si sono riempiti di un folto pubblico di genitori, nonni, insegnanti ormai in pensione della scuola, che hanno fatto da platea all’esibizione canora musicale e alla recitazione di una poesia. Filo conduttore della piccola manifestazione è stato il Natale, con la sua calda atmosfera, che ha toccato e commosso gli spettatori.

La pace, la giustizia e i diritti di tutti i bambini del mondo sono stati acclamati dalle classi quinte con la poesia “La pace” di D. Roight:

La pace verrà sulla Terra

non prima che ogni bambino

possa saziare ogni giorno la sua fame,

affrontare al caldo il vento dell’inverno,

studiare la lezione con animo tranquillo.         

Quando sarà liberato

dalla paura e dal bisogno

qualunque sia il suo colore,

la sua razza e la sua fede,

alzerà la testa e sorriderà al cielo.

 

A seguire il piccolo coro, accompagnato dalle chitarre di alcuni collaboratori scolastici e di alcuni bambini della scuola, ha intonato il canto Din Don Dan, supportato dallo strumentario Orff di alcune classi e dalla lingua dei segni LIS delle classi prime.

Al termine dell’esibizione è partito un lungo e commosso applauso segno di fratellanza, di pace e di speranza per un futuro migliore.

Clicca su play per ascoltare il canto del piccolo coro:

 

Commenti

IL MONDO IN UNA MANO – Scuola Primaria E. De Amicis

Quest’anno la classe 5 A  sperimenta il progetto per la conoscenza della lingua dei segni LIS. L’approccio al nuovo alfabeto avviene attraverso il gioco, il materiale visivo e il silenzio. Gli alunni si avvicinano gradualmente alla lingua dei segni , che consente loro dialogo con il mondo dei sordi.

Commenti

LA DIVERSITÀ DI UNO DIVENTA RICCHEZZA PER TUTTI

Si sta concludendo in questi giorni il corso di formazione e sensibilizzazione alla sordità e alla LIS (Lingua dei segni italiana) rivolto al personale dell’istituto comprensivo Lodi I.
Poco più di una ventina tra docenti della scuola primaria e secondaria di primo grado e alcuni collaboratori scolastici hanno partecipato a questo momento formativo articolato in 30 ore e finanziato dal nostro Istituto in collaborazione con l’Ente Nazionale Sordi di Lodi: ci sono state ore di pratica per l’apprendimento di informazioni e conoscenze pratiche di base inerenti alla Lingua dei segni, alternate a ore di teoria per avvicinarsi al mondo dei sordi e alla cosiddetta “cultura sorda”.
I partecipanti si sono attivati per imparare ad interagire con le persone non udenti in diverse situazioni utilizzando alcuni segni base e si sono impegnati a comprendere il corretto modo di approcciare un bambino sordo; inoltre si sono soffermati a riflettere su come ridurre gli ostacoli all’apprendimento e come scegliere metodi e strategie didattiche adeguate a questo tipo di alunni per garantirne non solo l’inserimento scolastico, ma anche una completa integrazione a scuola.
L’idea di organizzare questo tipo di formazione è nata per rispondere al bisogno della nostra scuola di conoscere meglio il mondo della sordità al fine di essere pronti ad inserire alunni non udenti che comunichino con la Lingua dei Segni: la diversità dei bambini sordi e l’esigenza di essere accolti nel nostro Istituto e aiutati ad inserirsi, a comunicare con gli altri, a esprimere i propri pensieri e a partecipare attivamente alla vita scolastica, ha dato modo di iniziare un’ esperienza di inclusione totalmente nuova e arricchente per tutti.
Il riscontro del corso è stato molto positivo, l’insegnante di LIS, anch’egli sordo, si è dimostrato molto competente ed espressivo: è nato entusiasmo tra i partecipanti, come pure la volontà di proseguire l’esperienza attivando altri percorsi formativi in un prossimo futuro.

  

Commenti

UN MONDO DI PACE – Scuola Primaria S.F. Cabrini

Percorso di plesso legato al Progetto Unicef  “Scuola Amica dei bambini e dei ragazzi”

La Nona Marcia della pace del Lodigiano è stata un’occasione importante per sensibilizzare e far riflettere gli alunni di tutte le classi della scuola S.F. Cabrini sul tema della pace.

La conquista della PACE è senz’altro uno degli obiettivi che accomuna tutte le persone del mondo sin dai tempi più antichi ed ogni tanto è bene fermarsi un istante e chiederci se sia realmente possibile raggiungere una pacifica ed armoniosa convivenza tra esseri umani.

La coesistenza pacifica tra gli uomini è il frutto di un’abitudine di vita costruita pian piano, fin dalla giovane età, promuovendo il superamento dell’egocentrismo e favorendo lo sviluppo di atteggiamenti di rispetto e tolleranza reciproca.

Le attività svolte nella varie classi hanno previsto metodologie didattiche di tipo laboratoriale, basate sulla cooperazione sul confronto e sul dialogo.

1A – 1B: I bambini di prima sono partiti dalla lettura della storia “La nascita dell’arcobaleno” facendo delle riflessioni sul testo: i colori litigano tra loro per chi è il più bello ma alla fine fanno pace e si stringono in un abbraccio dando vita all’arcobaleno; successivamente hanno realizzato l’impronta della loro mano con i colori della bandiera della pace lungo il perimetro del cartellone. Al centro del cartellone si è inserito il segno nome della pace nel linguaggio dei sordi (LIS). Infine si è intonata la canzone “Pace è”.

2A – 2B: I bambini delle classi seconde sono stati motivati Alla partecipazione alla Nona Marcia della Pace del lodigiano, riflettuto sul senso della pace attraverso un brainstorming guidato e successivamente hanno formulato pensieri di pace. I bambini hanno imparato il significato del simbolo # (hashtag) e lanciato un appello a genitori, parenti e amici: “Aiutateci a far camminare la pace: condividete messaggi di pace sui vostri social network, utilizzando l’hashtag #paqe. Da ultimo hanno realizzato due cartelloni dove la parola pace ha incontrato la lingua albanese e filippina.

3A – 3B: Le classi terze, sensibilizzate sul tema della pace, hanno realizzato un cartellone utilizzando la metafora del puzzle. L’idea è che i bambini siano tutti “pezzi diversi”, ma importanti allo stesso modo per formare un intero.

4A – 4B – 4C: Il lavoro in classe è stato indirizzato alla riflessione e il dibattito: le conclusioni si sono rivelate davvero interessanti. Per avere la pace bisogna offrire la propria fiducia agli altri! La pace non è un sogno, ma può diventare realtà. Per custodirla bisogna essere capaci di sognare con la purezza d’animo: se vogliamo la pace nel mondo costruiamola in primo luogo dentro ciascuno di noi!

5A – 5B: Presentazione e motivazione della Marcia della Pace, mediante conversazione guidata, scelta dell’attività con la quale contribuire come gruppo classe. Ricerca delle bandiere di vari paesi del mondo, selezione di quelle dei paesi d’origine degli alunni stranieri presenti nel gruppo; realizzazione grafico pittorica delle stesse su cartellone. “CHI SEMINA PACE.. “Partendo dalla lettura delle riflessioni sulla Pace di grandi personaggi come Gandhi, Martin Luther King, Umberto ECO e rappresentanti UNESCO (scritti nei semi dai quali germogliano le loro parole), il gruppo classe ha cercato di dare risposta a due grandi interrogativi: “Cos’è la Pace? “, ” Come possiamo NOI portare la Pace?”. Nel sole sono rappresentate le risposte alla prima domanda, nel seme del ” NOI” la risposta alla seconda. Conclusione: tutti posso esser semi di Pace, chi semina Pace raccoglie amore, collaborazione, accordo, bene, serenità, ecc. E la Pace stessa.

Commenti

5th Birthday CodeWeek alla scuola primaria di Montanaso

Le classi 4^A – 4^B – 5^A – 5^B della scuola primaria”A.Gramsci” di Montanaso Lombardo hanno partecipato alla settimana europea dedicata al Coding, con un’attività online individuale che ha la struttura di un semplice videogioco a livelli.

Per superare un livello il giocatore deve dare al protagonista del gioco le istruzioni
necessarie a raggiungere lo scopo.

Tutti gli alunni sono riusciti a superare i livelli ed a raggiungere L’ ATTESTATO FINALE DI COMPLETAMENTO!!!

Commenti

« Articoli precedenti